Nikolaj Leo Strauss nasce sul Lago di Costanza in una famiglia dove la musica è una tradizione.  A sei anni inizia lo studio del pianoforte e a dodici anni tiene la sua prima serata pianistica. Già allora era sicuro di diventare un pianista di concerti e fin dagli inizi pose l’opera musicale di Frédéric Chopin al centro dei suoi concerti.  Questa passione lo porta ad orientarsi presto verso la Patria di Chopin, la Polonia, dove inizia lo studio della musica. I suoi maestri sono, tra gli altri,  Jerzy Sulikowski, Kevin Kenner e nelle Master Classes lavora con Piotr Paleczny e Karl-Heinz Kämmerling. Infine studia al Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano con Nora Doallo e all’Accademia di Liszt a Budapest con Kornél Zempleni.  L’influsso maggiore sul suo sviluppo musicale fu lo studio con Adam Harasiewicz a Salisburgo e Varsavia negli anni 1997 fino 2000.

Una serie di serate pianistiche e di concerti, sia come solista sia accompagnato da un’orchestra lo portarono in tante sale nella maggior parte dei paesi europei,  in Argentina e in Israele. Nel 1999, anno del 150mo della morte di Chopin, il nome di Strauss figurava sulla lista dei pianisti nominati dall’UNESCO per “l’anno di Chopin”.

Nel 2007 un incidente stradale interrompe bruscamente la sua carriera solistica e solo a partire dal 2010 riprende lentamente l’attività concertistica.

Già durante gli studi di pianoforte in Polonia Nikolaj Leo Strauss si interessa anche alla direzione d’orchestra e corale. Il maestro Boguslaw Dawidow riuscì a entusiasmarlo alla direzione e divenne anche il suo primo mentore in materia. Dopo le prime esperienze come direttore d’orchestra studia per tre anni canto e dal 2000 al 2002 dirige il suo primo coro sul Lago di Costanza. Dal 2004 al 2005 dirige il Coro nella cattedrale ortodossa di Budapest, negli anni 2006-2007 è stato direttore ospite di diversi progetti del Coro della Cattedrale russo-ortodossa di Buenos Aires.

Vive a Lugano, è pianista, dirige diverse Corali e svolge pure la professione di maestro di musica.